Impressioni Liguri. Un week end alle Cinque Terre

Share

La Liguria è stata una bellissima scoperta in pieno agosto, e le Cinque Terre in particolare. Ci ripenso, con un bel po’ di ritardo, alle sette di una mattinata tedesca, mentre sono accovacciata in treno, sui gradini che vanno da uno scompartimento all’altro, perché tutti i sedili sono occupati dai pendolari. Un caro amico, di quelli che non vedo da anni, ma ogni volta che ci scriviamo sembra che non sia passato poi tutto questo tempo, mi ha detto che il mio blog gli piace molto perché gli ricorda un diario, e in effetti l’ho condito con tante esperienze personali. Che poi, non so se sono solo io, ma preferisco leggere i blog più intimi di quelli solo informativi. Ho pensato quindi di aggiungere qualche impressione personale ai post sui viaggi.

Comunque ad agosto sono stata con i genitori e il quadrupede quattro giorni in Liguria, alle Cinque Terre. È stato un viaggetto improvvisato, incastrato in un weekend lungo di ritorno a casa, cinque giorni nei quali ho cercato di rivedere quasi tutti. Un weekend arrivato dopo quindici giorni di freddo improvviso a luglio in Germania, che quando ho messo piede fuori dall’aereo a Venezia, la  pressione mi si è abbassata talmente tanto che mi sentivo svenire per lo sbalzo termico.

Ecco. Il giorno dopo siamo partiti e non ero pronta ad un paesaggio così bello. Tutti mi avevano parlato delle bellezze della Liguria, e avevo  sbirciato parecchi blog, ma in ogni caso questi piccoli paesini di casette colorate arroccati sul mare mi hanno stupita. Agosto, si sa, significa ondate di turisti e caldo asfissiante, ma nonostante questo la vacanza non è stata rovinata, né i paesini hanno perso il loro fascino caratteristico. Posso solo immaginare quanto siano magici in altre stagioni, quando non ci si deve districare fra migliaia di visitatori.

Stradine ripide e focacce al volo

Abbiamo dormito in un B&B a gestione familiare, situato alla fine di una serie di stradine una più ripida e stretta dell’altra, nei dintorni di La Spezia. C’era una vista bellissima sul golfo dei poeti. La proprietaria era una signora old style, stirava le lenzuola con zelo e ci ha cambiato gli asciugamani ogni giorno, non ci ha lasciato le chiavi della stanza e ci aspettava alla sera per aprirci.

Alle Cinque Terre abbiamo mangiato tante focacce al volo, e gnocchetti con il vero pesto ligure. C’è stata qualche nuvola e qualche momento di cielo grigio, un lungo acquazzone, e poi caldo infernale di fine agosto.

Giro in barca per le Cinque Terre

Abbiamo visitato brevemente i cinque paesini delle Cinque Terre, incastrati uno dopo l’altro in un breve tratto di costa della riviera ligure di Levante, partendo in barca da La Spezia. Ognuno meriterebbe più tempo. Il parco nazionale delle Cinque Terre è patrimonio dell’umanità dell’UNESCO, e i paesi sono formati da stradine pittoresche, casette colorate a strapiombo sul mare, colline ricoperte di vigneti, e di un esplosione di dettagli colorati che fanno venir voglia di invadere di foto la propria pagina Instagram.

riomaggiore

Riomaggiore

Il primo comune che si incontra partendo da La Spezia, il più orientale delle Cinque Terre è Riomaggiore. Il borgo antico si appoggia in una piccola valle sul mare. Ci sono molti bar e ristoranti. Fino al 2012, quando è avvenuta un’alluvione, era possibile percorrere a piedi la Via dell’Amore, che collega tutti i paesi.

weekendcinqueterre

 

viadellamore

cinemaliguria

Manarola

Manarola è una frazione di Riomaggiore e ha un fascino particolare per i paesaggi che offre e l’atmosfera romantica. 

liguria

 

Gli altri paesini sono Corniglia, Vernazza e Monterosso, e sono uno più bello dell’altro. A Corniglia c’è una bella vista e tanti scalini da percorrere, Monterosso e Vernazza, fra i più belli, hanno anche molti ristoranti e negozietti artigianali.

 

Un bagno fra gli scogli

Gli altri due giorni siamo stati a Portovenere, dove fra le altre cose, ne abbiamo approfittato per qualche bagno fra gli scogli, oppure sulle spiagge sassose.

 

liguriacollage

 

Grazie per la lettura! 

 

Share

You may also like

2 Comments

  1. Hola!

    Perdón que escriba español pero, ya sabes, no hablo italiano :p

    Por fin he tenido un momento para pasarme por aquí, y me ha gustado mucho el post. Aunque no he entendido muchas de las cosas que has escrito, una imagen vale más que mil palabras, y las fotos dicen mucho. Que envidia que has podido disfrutar del sol y la playa este verano!

    Un abrazo! 🙂

    1. Hola! Gracias para intentar leer en italiano! Quiero empezar a escribir en inglès, asì que tambièn los que no hablan italiano puedan entender lo que escribo!

      p.s: perdona los acentos, tengo el teclado italiano 🙂

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *