Trasferirsi in Germania: informazioni importanti- Prima parte

Share

Sono iscritta a molti gruppi su Facebook di italiani in Germania, o italiani che vorrebbero trasferirsi in Germania. Bene o male ritornano sempre le stesse domande e sono gli stessi interrogativi che ho avuto a lungo anche io. Trasferirsi in Germania senza aver già qualche piano, non è semplice come si crede, ci sono una serie di passi da affrontare. Niente di che, per alcuni, difficoltà insormontabili per altri.

Partendo dalla mia esperienza personale, ho notato fin da subito che cercare informazioni precise e dettagliate su come muoversi per trasferirsi in Germania non è stato (parliamo di circa due anni fa) per niente facile. Non è come cercare informazioni su come trasferirsi a Londra, o in Spagna. Da subito ho avuto una lista di domande e anche preoccupazioni che mi ronzavano per la testa, a cui tra l’altro nemmeno il mio ragazzo tedesco sapeva rispondere con precisione. In Germania, infatti, la legge varia di regione in regione, essendo uno stato federale. Inoltre, lui stesso non conosceva le procedure da compiere, anche se almeno poteva telefonare ai vari uffici e chiedere. Ora sono presenti informazioni più dettagliate in rete, e siti molto utili che raccolgono esperienze e rispondono a domande.

Questo post vuole fare un po’ di chiarezza e cercare di rispondere alle domande che mi vengono fatte tramite la pagina Fb. C’è davvero tanto da sapere, per cui ho diviso il post in due parti. In questo post troverete:

  • Informazioni sul trasferimento
  • Come trovare un appartamento
  • L’anmeldung (registrazione in Germania)

Dunque vediamo quali sono le informazioni da sapere per trasferirsi in Germania!

1. Trasferirsi in Germania, perchè?

Io mi sono trasferita per motivi di cuore. Se non fosse stato così, questo paese, che comunque ora apprezzo molto, non avrebbe mai lontanamente fatto capolino nel mio immaginario di destinazioni da sogno. C’è da dire però che non conoscevo la Germania, i suoi bei paesaggi, il lavoro sicuro, il sistema sociale che funziona benissimo che hanno qui. Non ero molto realista, quando ero ancora all’università, e non tenevo conto di molti aspetti. Mi rendo conto invece vivendo qui, che di italiani che si trasferiscono all’estero per motivi economici seri ce ne sono centinaia di migliaia, ed è questo il primo motivo delle famiglie italiane per trasferirsi in Germania: il lavoro. Al secondo posto c’è lo studio, seguito poi da motivi di cuore (si sa, i tedeschi viaggiano molto, soprattutto in Spagna e Italia) 🙂

Prima di continuare, c’è un’importante distinzione da fare: molti partono dall’Italia dirigendosi verso una destinazione precisa perchè hanno già ricevuto un’offerta di lavoro dall’azienda, che nella migliore delle ipotesi aiuta anche con alloggio e servizi vari, oltre che per tutta la burocrazia. In questo caso trasferirsi è semplicissimo, anche se si è in famiglia. Anche se ci si sposta con lo status di studente, dopo essersi informati bene, non ci sono grossi problemi. Si può trovare una residenza studentesca, e i trasporti sono gratuiti in tutta la regione dove è situata l’università.

paesaggio germania

2. Trovare un appartamento

Ovviamente la prima cosa da fare è quella di trovare un alloggio. Le opzioni possono essere:

  • Appartamento (Wohnung) o casa (Haus) in affitto;
  • Una stanza in un appartamento condiviso (WG)

La seconda opzione è più per le persone giovani o per studenti. Come trovare un appartamento? Cercarlo online è il metodo più immediato. Ci sono tanti siti, basta effettuare una ricerca su Google.de scrivendo “Wohnung mieten”+ la città che si desidera. Io mi sono trovata particolarmente bene con Immobilienscout24.

photo-1436812911242-3d475df4bdd1

3. Come fare per ottenere un appartamento?

Il discorso varia da città a città. Mentre ad Amburgo o Monaco è molto difficile, in altre città minori il discorso si fa più semplice. Dopo che si è visto l’appartamento, bisogna essere scelti fra i vari visitatori dal proprietario o dall’agenzia.

Informazione importante: non serve pagare una commissione all’agenzia, se ve la chiedono potrebbe essere strano. Ci sono anche molti annunci truffa sul web. Ad esempio se trovate un appartamento con foto spettacolari a un prezzo più basso del solito, diffidate. La tipica truffa è il medico inglese, che possiede un appartamento di famiglia in Germania, lo affitta ma non può venire a farvelo vedere. Pretende quindi l’invio della caparra tramite bonifico online.

Per avere ottime possibilità di essere scelti come affittuari, bisogna compilare un questionario con i dati relativi alla busta paga e il documento Schufa che indica che non si hanno precedenti debiti. Questo documento si può richiedere online, al costo di circa 30€. Quasi per tutti gli appartamenti, è necessario versare inizialmente una caparra di due o tre mesi.

trasferirsi in germania

4. Il trasloco

Qui dipende se ci si sposta in macchina con i propri mobili o se si arriva in aereo senza possedere nemmeno una forchetta. In ogni caso, in Germania è difficilissimo trovare un appartamento già ammobiliato, o se si trova, l’affitto è molto più alto. Trovare mobili relativamente nuovi e a buon prezzo è però molto facile, data la grande mobilità e il compra-vendi- ricompra. Ci sono molti gruppi di fb, oppure Ebay Kleinanzeigen.

5. Anmeldung

Una volta trovato un alloggio, si deve procedere entro 15 giorni alla registrazione della residenza, detta Anmeldung. Questo è quello che so, perchè in caso contrario si potrebbe incappare in una multa. Tuttavia, una volta registrati nel suolo tedesco, ci sono alcune cose importanti da sapere. Prima di tutto, durante l’anmeldung viene chiesta la religione di appartenenza, oppure dedotta (italiani=cattolici). Anche se non si va a messa da 12 anni, ma si è ancora battezzati, bisogna dichiararsi cattolici. Questo perchè poi dalla busta paga verranno detratte delle tasse per la chiesa, tasse anche abbastanza alte. Dunque dichiarando il falso, si rischia di incappare in una multa molto salata.

 

Leggete anche Trasferirsi in Germania, informazioni importanti-seconda parte

 

Share

You may also like

5 Comments

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *