Trasferirsi in Germania: informazioni importanti- Seconda parte

Share

La scorsa settimana vi raccontavo, secondo la mia esperienza, di quali sono i primi passi da compiere per trasferirsi in Germania in questo post: prime informazioni e dubbi, come trovare un appartamento, quali documenti bisogna presentare per il contratto d’affitto, come effettuare la registrazione presso il comune di residenza. In questa seconda parte vedremo consigli su come trovare un lavoro, studiare la lingua, stipulare un’assicurazione sanitaria e altre cose pratiche come la sim tedesca i trasporti.

 

1. Trovare un lavoro in Germania

Tralasciando chi ha deciso di trasferirsi in Germania perchè ha già ricevuto un’offerta di lavoro, per gli altri sarà necessario trovare un lavoro o dall’Italia (più difficile) o direttamente all’arrivo in Germania. Dipende molto dalla professione, ma in generale trovare un buon lavoro senza la lingua è praticamente impossibile (fatta eccezione per lavori altamente specializzati o da svolgere in inglese o italiano). Consiglio di leggere: “Come trovare lavoro in Germania. La guida definitiva” scritta da Eleonora de La mia Vita in valigia.  Anche su Berlinocacioepepe Magazine ci sono tantissimi link e risorse utili per iniziare la ricerca di un lavoro.

Trasferirsi in Germania dopo la laurea

Nonostante le tante informazioni presenti su internet, ci sono molti dubbi ancora, soprattutto per i giovani laureati che vogliono trasferirsi in Germania dopo la laurea. Ad esempio: il titolo universitario è riconosciuto? Devo tradurre il mio diploma universitario?

Dipende se la laurea fa parte del nuovo o vecchio ordinamento. La mia laurea, ad esempio, è recente e fa già parte della riforma “3+2” ovvero laurea triennale e laurea magistrale, 180 e 120 crediti, riconosciute in quasi tutti i paesi europei. Mi è infatti stato rilasciato un certificato in inglese con titolo e voti dalla mia università, e tutte le fonti che ho consultato mi hanno confermato che non ho bisogno di un ulteriore riconoscimento tedesco. Tuttavia dipende sempre dalla professione e dal tipo di laurea e la cosa migliore è di andare a chiedere di persona agli uffici di competenza.

Fare uno Stage in Germania

Ci sono varie possibilità per svolgere un periodo di stage in Germania, chiedere direttamente alle aziende, oppure svolgere un periodo di Servizio Volontario Europeo (SVE). Per quasi tutti gli stage, è richiesto lo status di studente (per motivi che variano dalla tassazione all’assicurazione sanitaria).

Lavorare Part-time

Un’altra possibilità, è quella di lavorare part-time mentre si frequentano dei corsi intensivi di lingua tedesca. In questo caso, bisogna distinguere tra mini-job (sotto la soglia dei 450€ mensili) e teil-zeit (sopra i 450€ mensili). Solo nel secondo caso il datore di lavoro è tenuto a pagare il 50% del costo della vostra assicurazione sanitaria (obbligatoria dal momento che si lavora). Alle volte i lavori part-time possono essere anche pochissime ore a settimana, dipende dalla paga oraria, e sono sempre un compromesso migliore dei mini-job. E’ vero, si pagano le tasse, ma si ha l’assicurazione sanitaria e le ferie pagate. In Germania inoltre c’è un salario minimo orario di 8,50€ all’ora.

trovare lavoro germania

2. Stipulare un’assicurazione sanitaria tedesca

Questa storia dell’assicurazione sanitaria (Krankenkasse) mi ha provocato molte preoccupazioni all’inizio. Se ne sentono di tutti i colori, c’è chi dice una cosa, chi un’altra. Bene, la verità in sostanza è questa: dal momento dell’ Anmeldung, che, abbiamo visto, dovrebbe essere compiuto entro 15 giorni dall’arrivo in Germania, si hanno tre mesi di validità della tessera TEAM, l’assicurazione sanitaria italiana valida in Europa. Questi tre mesi, possono essere estesi a sei, se non si lavora. Se si lavora, si deve subito sottoscrivere l’assicurazione sanitaria tedesca. Se si studia in Germania, si può tranquillamente usare la tessera sanitaria italiana.

Importante: se si lavora in Germania e poi si smette, senza iscriversi all’ufficio disoccupazione, si potrà ricevere una multa da pagare, per i mesi di assicurazione non versati.

Se non si hanno soldi per pagare l’assicurazione, e sono stati già versati dei contributi in Germania, è possibile in alcuni casi ricevere un’aiuto finanziario. Se si arriva in Germania, non si studia, non si lavora, non si è sposati (in questo caso si è sempre coperti dall’assicurazione del partner) bisogna pagare l’assicurazione sanitaria per intero, al costo di 160€ al mese. Già con un semplice part-time, il problema è “risolto”.

3. Sim tedesca e contratto internet

Se la decisione è quella di trasferirsi in Germania per un lungo periodo (superiore ai due anni), qualsiasi compagnia telefonica può andare bene (Vodafone, Blau, Orange…). Se invece non si volesse stipulare un piano tariffario di questo tipo, è consigliabile una prepagata, come Ortel ad esempio.

trasferirsi in germania

4. Iscriversi ad un corso di lingua

In questo post ho elencato tutti i consigli che mi sono venuti in mente per imparare questa lingua così ostica. Armatevi di pazienza. Dopo i primi tempi (almeno un anno) di corsi intensivi, potrebbe essere utile frequentare qualche lezione privata. Comunque, i corsi di lingua tedesca per stranieri sono sovvenzionati dallo stato fino al livello B1 (io all’inizio non lo sapevo!). Si possono frequentare dei corsi all’università pubblica (VHS, Volkshochschule) divisi per livelli, oppure un corso di integrazione. Quest’ultimo è pensato più per cittadini non europei, ma alla fine permette di sostenere gratuitamente l’esame ufficiale dei B1, e, se viene superato, una percentuale del costo viene rimborsata. Io ho iniziato con la VHS e ho fatto due mesi e l’esame finale del B1 tramite un corso di integrazione. Secondo la mia esperienza tutto dipende dall’insegnante e dalla classe, ma in generale sono ottimi corsi e valgono la pena.

5. Trasporti e costo della vita

I trasporti pubblici in Germania sono molto cari, specialmente i treni. Generalmente convengono gli abbonamenti (gratuiti per studenti) che permettono di prendere i treni in varie zone a seconda delle necessità. Il costo della vita varia in base alle zone: a Monaco è molto alto, nella zona dove mi trovo (in Nordrhein Westfalen) gli affitti non sono molto dispendiosi. 

treno germania

Spero che questa breve raccolta di informazioni possa tornare utile a chi desidera affrontare questo passo!  🙂 

 

 

 

 

Share

You may also like

3 Comments

  1. Ciao Denise, i tuoi consigli sono molto utili e precisi.
    Anche io vivo in Germania, da pochi mesi veramente, ma già curo un piccolo blog dove racconto la mia esperienza di integrazione qui. Mi farebbe piacere scriverci e scambiare opinioni. Il mio blog è http://www.diariodiunespatrio.blogspot.com. Ho anche una pagina facebook denominata Mein Deutschland:diario di un espatrio.
    Spero di sentirti presto! Ciao

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *