Sardegna: itinerari naturalistici tra terra e mare

Share

La Sardegna è una delle isole più belle del mediterraneo, un posto dove se potessi tornerei ogni estate per rivedere i suoi colori meravigliosi e respirare l’aria di mare. Vi ho già raccontato delle mie esperienze in Sardegna, ma la verità è che quest’isola offre bellezza ad ogni angolo: cale nascoste, parchi naturali e parchi nazionali. Amo tutte le attività naturalistiche e gli itinerari tra terra e mare che permettono di ritrovare il contatto con la natura che si tende a perdere vivendo in città.

Itinerari naturalistici in Sardegna

Da nord a sud, la Sardegna offre dei luoghi di interesse incredibili per quanto riguarda flora e fauna. Partendo da nord, troviamo il meraviglioso Parco Nazionale dell’Asinara, che ospita alcune delle spiagge più belle e suggestive dell’isola, come Cala dell’Arena e Cala Sabina.

Sempre a nord, segue la Gallura, un’area composta da paesaggi granitici e da scorci panoramici. Qui si possono fare delle escursioni nella Valle della Luna e ammirare le Bocche di Bonifacio.

Spostandoci verso est, troviamo la Gola di Gorropu, nota anche come il Grand Canyon della Sardegna, situata tra i monti del Gennargentu. Quest’area, offre un’immersione nella Sardegna più selvaggia ed incontaminata.

Nella parte centro-orientale troviamo il territorio dell’Ogliastra, con la paradisiaca Cala Mariolu. Acque cristalline e fondali bassi, questa spiaggia è famosa per i suoi granelli color oro e per le porzioni di sabbia rosa e non ha niente da invidiare a destinazioni più esotiche e lontane.

Più a sud, nella provincia di Cagliari, troviamo il Parco Naturale del Sulcis, adatto ad escursioni a stretto contatto con la natura sarda.

sardegna_traghetto

Organizzare un viaggio in Sardegna

Con un minimo di organizzazione fai-da-te, una vacanza in Sardegna non è affatto cara come si potrebbe pensare. Dipende dalle località ovviamente, ma in generale, se si prenota online e con anticipo si trovano buone offerte.

La Sardegna è ben collegata e facile da raggiungere sia in traghetto se si parte dall’Italia che in aereo se si arriva dall’estero. La prima volta, partendo da Padova, ho preso un traghetto da Livorno a Olbia che ho prenotato online. In nave la traversata può variare dalle 6 alle 12 ore circa, a seconda della velocità della nave e del punto di partenza. Le navi partono da tutti i porti italiani e del sud della Francia e le destinazioni in Sardegna sono Cagliari, Porto Torres, Olbia, Golfo Aranci, Santa Teresa di Gallura e Arbatax.

In alternativa è possibile raggiungere comodamente la Sardegna in aereo. L’isola è dotata 4 aeroporti, Aeroporto di Alghero-Fertilia, Cagliari-Elmas e Olbia-Costa Smeralda. L’aereo è una valida alternativa soprattutto se si parte dall’estero, ma la nave è più comoda se si deve trasportare l’attrezzatura da campeggio.

Seguite il blog su Instagram e Facebook 🙂

 

Share

You may also like

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *