7 modi per trovare lavoro in Germania

trovare_lavoro_germania

Fra poco saranno quasi due anni che vivo in Germania e in questo tempo ho avuto modo di farmi un’idea sul mercato del lavoro teutonico 🙂 Anche se la Germania ha uno dei più bassi indici di disoccupazione in Europa, non è sempre facile trovare lavoro, soprattutto se non si sa come fare. Ecco alcune cose da tenere in considerazione prima di trasferirsi, spero vi siano utili! 🙂

Il tedesco non è difficile, di più!

Il primo punto è la lingua. A meno che non siate dei geni, o non l’abbiate già studiato cinque anni alle superiori, meglio ancora all’università, non aspettatevi di parlare il tedesco bene in poco tempo! Questa lingua è davvero complicata, ma non impossibile! Ci sono tanti modi di impararla, io lo sto ancora facendo e spero di migliorare molto. Una cosa che consiglio sono i corsi di lingua intensivi, anche se dopo sei mesi a cinque ore di tedesco al giorno, ci vuole anche qualche mese di pausa! Uno strumento che trovo utilissimo e che utilizzo sempre è Babbel,un’applicazione per imparare la lingua e esercitarla, sia sul cellulare che sul computer. Se vi interessa, potete iscrivervi a questo link. Per imparare il tedesco in modo divertente, ho scritto anche un post su come imparare il tedesco con i social media.

Continue Reading

Prodotti naturali e cosmetici bio in Germania

prodotti_naturali_germania

Già da prima di trasferirmi in Germania ero una grande fan dei prodotti naturali.  Creme, hennè per capelli, trucchi con ingredienti naturali e inci bio, per quanto possibile. In Italia però non è facilissimo trovare questi prodotti, anche se lo sta diventando sempre di più. Si trova qualche marca, ad esempio i Provenzali, ma spesso il costo è abbastanza elevato. Di solito, per risparmiare e trovare tutti i prodotti che cercavo, con le mie amiche compravo i prodotti online, soprattutto per il make up bio, abbastanza difficile da trovare nei negozi.

Continue Reading

Festival della lentezza: riprendersi il proprio tempo

lentezza

In molti blog e gruppi che seguo, leggo sempre più storie di persone decise a riappropriarsi dei propri tempi e spazi, delle proprie passioni e desideri. Sempre più persone che, travolte dallo stress della vita di tutti i giorni, decidono di optare per un’alternativa più semplice, più sostenibile. 

In questo periodo, da neo laureata, trascorro molte ore, ogni giorno, a cercare offerte di lavoro, e ovunque si parla di “multi-tasking” di “fast-learning“, ovunque si cercano candidati che possano iniziare “as soon as possible“. In pratica la velocità è sempre vista come qualcosa di positivo, il poter iniziare il prima possibile, l’imparare un lavoro il più in fretta possibile e il poter svolgere più incarichi allo stesso tempo sono capacità richieste.

Ma fermandoci un attimo a riflettere, è davvero così? Andare veloci va bene, ma spesso se si impara qualcosa troppo in fretta si tende a dimenticarsi di molti dettagli. Se si fanno più cose contemporaneamente, saranno tutte svolte con mediocrità.

 

Anche io sono sempre stata una “fan” della velocità. E per alcuni aspetti è ancora così. Ma da non molto ho riscoperto anche la lentezza come qualità positiva, perchè spesso la lentezza, che intendo come avere del tempo per dedicarsi ad un’attività e svolgerla bene e con calma, è la soluzione per una vita felice, per una mente ordinata, per uno sguardo rilassato e un sorriso sempre sulle labbra.

Soprattutto se sei donna, perchè da sempre, proprio le donne sono quelle che tendono a voler avere una giornata di 42 ore, di sobbarcarsi di to-do list e ad essere molto di più che multi-tasking!

Le donne aspettano. Si fermano. E poi corrono. Hanno l’animo lento delle passioni che coltivano goccia a goccia. E il corpo veloce, di chi risponde a mille incombenze quotidiane. Sanno fare di conto, e volare alto fino a lambire la troposfera dei sogni, l’orizzonte dei desideri.

Corrono, a volte costrette. Si mettono al riparo dei sentimenti, quando necessario. A volte resistono, le donne. Altre soccombono, schiacciate da un tempo maschile superficiale e violento.

Continue Reading