Buoni propositi, gratitudine e i 10 post più letti del 2016

Share
Quest’anno, per la prima volta dopo anni, non ho scritto nessuna lista di buoni propositi. Perché? Queste liste erano diventate sempre più lunghe e complicate. Lì sull’agenda, a fissarmi giorno dopo giorno, propositi irraggiungibili anche con giornate da 72 ore e una forza di volontà di ferro. Quest’anno, anche se non ho potuto evitare di stilare decine di liste mentali, ho deciso di trascorrere gli ultimi giorni dell’anno senza scrivere nessuna lista, e di pensarci nei primi giorni di gennaio. Perché? Semplicemente per godermi il momento, le persone che mi stanno attorno, tutte le piccole cose di ogni giorno senza pensare continuamente al futuro. A questo proposito ho deciso di partecipare ancora una volta alla #mcd31grazie gratitude challenge creata da Chiara di Machedavvero che aiuta a spostare il focus sulla felicità e ad iniziare il nuovo anno in modo positivo e propositivo. I buoni propositi, o meglio dire obbiettivi da raggiungere ci sono e sono tanti, ma quest’anno voglio compierli in modo diverso: mantenere le buone abitudini e aggiungere un goal ogni mese e concentrarmi solo su quello. Vediamo come andrà!

Per chiudere definitivamente il 2016, vi lascio intanto con la lista dei 10 post più letti dell’anno, in caso ve li foste persi!

1 – 10 abitudini che potresti conoscere se vivi in Germania

Questo articolo, il più letto in assoluto, parla di abitudine tipiche in Germania, in modo ironico, raccontando alcuni episodi, ad esempio questo: 
Sto parlando dell‘omino rosso, o Ampelmann, quando si cammina. Non importa se stai perdendo il treno e la strada è deserta da dieci minuti, bisogna aspettare che Ampelmann diventi verde. Attraversare con il rosso è un vero e proprio atto di ribellione capace di far scuotere la testa dei pedoni più anziani. Per dimostrarvi che non sto esagerando ho anche un esempio reale: ho preso una multa! Era il mio primo mese tedesco, e dopo un’attenta analisi della situazione del traffico ho, a cuor leggero, attraversato la strada. Bene. Pochi secondi dopo un poliziotto in bicicletta mi si accosta e mi dice qualcosa di incomprensibile in tedesco. Io, non convinta che fosse davvero un poliziotto in bicicletta ma piuttosto un ciarlatano o un malintenzionato, continuo per la mia strada. Il poliziotto mi segue, mi fa anche vedere il tesserino. Non mi resta altro che arrendermi all’evidenza e pagare i miei 5€ di multa (pagabili solo con bancomat). 

2 – Vantaggi e svantaggi di vivere in Germania

Al secondo posto, con poco svantaggio, un post che elenca alcuni pro e contro sulla scelta di vivere in Germania. Leggilo qui!vivere_in_germania

3 – Cosa fare in un giorno a Wuppertal, Germania

Medaglia di bronzo per una breve visita di un giorno a Wuppertal, se vi trovate per caso in questa cittadina della Bergisches Land, ecco cosa potete fare.

4 – Italiani e tedeschi…trova le differenze!

Italia e Germania paesi simili o diversi? Alcune differenze ci sono eccome, ad esempio il modo di conversare 🙂
La conversazione. La prima volta che sono stata a cena con la famiglia del mio ragazzo ero un po’ spaesata: sua mamma ha raccontato qualcosa per circa quindici minuti.Tutti in silenzio ad ascoltarla. Non capivo niente, pensavo fosse successo un fatto gravissimo. E invece no, quando ha finito, il papà ha commentato qualcos’altro per tipo dieci minuti, e via così. Ti chiedono come va? E devi parlare per venti minuti, il tuo interlocutore ti ascolta attentamente, pende dalle tue labbra, nessuna interruzione all’orizzonte. Forse è questo il vero shock culturale Italia-Germania, quello che mi ha davvero sconvolta, abituata a iniziare e venire interrotta a ciclo continuo, e poi a interrompere qualcun altro…i tedeschi si ascoltano davvero, quando parlano.

5 – Imparare il tedesco-Deutsch Lernen

In questo post trovate consigli e strategie per migliorare e imparare questa lingua così ostica!imparare il tedesco

6/7 – Trasferirsi in Germania: informazioni importanti

In questa mini guida, divisa in due parti, si parla di trovare un appartamento, un lavoro, stipulare un’assicurazione sanitaria in Germania, raccogliendo informazioni e link utili. Leggili qui:

Prima parte

Seconda parte

8 – Com’è veramente avere amici da tutto il mondo: la solitudine dell’expat

Agli ultimi posti di questa classifica, ci sono dei post più personali e riguardanti la tematica dell’emigrare, in questo caso di come si trasforma l’amicizia vivendo lontani.

9 – Di storie a distanza e amori internazionali

L’amore è una bella spinta per trasferirsi all’estero…ecco la mia esperienza!storie a distanza

10 – Di ritorni e di partenze e di vite divise a metà

Si torna, si parte, si ritorna. Alla fine è impossibile non avere una vita doppia, o divisa a metà. O, almeno, averne la sensazione…amici a distanza

Grazie per essere stati parte un po’ della mia vita quest’anno…e vi auguro ancora una volta un 2017 degno di essere ricordato! 🙂

 

Share

You may also like

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *