5 stereotipi sui tedeschi e sulla Germania da sfatare

stereotipi_tedeschi
Share

Ok. Gli stereotipi esistono per tutto e per tutti. Spesso sono sbagliati, a volte offensivi. Oppure sono divertenti e ogni tanto ci azzeccano. I nostri amici crucchi sono particolarmente soggetti a stereotipi, dal sandalo col calzino (ahimè) ai Würstel, fino ad una lingua terribilmente complicata e ad un presunto comportamento freddo, anzi glaciale. Vediamo in questo post (ironico!) quali sono veri e quali no!

Il sandalo col calzino

Non sono ancora riuscita a capire quanto questa “moda” sia diffusa nel territorio. Sembra però che sia adottata maggiormente dai turisti over 60 in gita al Lago di Garda e non tanto in terra d’origine, fatta un’eccezione: i bambini. La moda primavera/estate infantile prevede infatti l’accoppiata sandalo+calzino, per ragioni, che dopo due anni qui mi sembrano assolutamente chiare anche se non accettabili: non avere i piedi freddi, anche nei giorni estivi meno estivi. La domanda a questo punto è: perchè non mettersi semplicemente un paio di scarpe?

I tedeschi sono organizzati e super responsabili

Se i tedeschi rispettano diligentemente ogni tipo di fila, e guai ad attraversare a piedi con il rosso, in realtà i tedeschi non sono sempre super organizzati come suggerisce l’immaginario collettivo! Potrà capitarvi anche qui che la banca perda i vostri documenti e ci metta mesi a ritrovarli, il medico perda i vostri esami del sangue, la burocrazia vi risucchi, il tecnico che dovrebbe venire a sistemare la lavatrice cancelli l’appuntamento tre volte e poi non si presenti…insomma, sempre un caos, ma un caos abbastanza ben organizzato

I servizi e i trasporti funzionano benissimo

Qui il colesterolo non esiste. Sto esagerando ovviamente, ma in Germania, soprattutto se vi trasferite in una grande città, non aspettatevi che il vostro medico di base si ricordi di fornirvi i vostri esami del sangue, o che vi venga assegnato un medico di base, ve lo dovrete cercare da soli.

Per quanto riguarda i treni, io sinceramente non mi lamento, ma gira voce che siano sempre in ritardo ( oltre a costare quasi più dell’aereo )

I tedeschi sono freddi e chiusi

Gli italiani si danno sempre i due baci per salutarsi,  i tedeschi non si sfiorano neanche per scherzo…falso falso falso! I tedeschi si abbracciano sempre, anche fra amici che si vedono tutti i giorni, sembrandomi a volte anche più calorosi degli italiani! 

Il tedesco è una lingua orribile

No. Anzi, a confronto con l’olandese è la lingua degli angeli! No, davvero, una volta che ci si abitua il tedesco non suona affatto male, e ci sono delle parole e espressioni molto belle e complesse, ci sono parole per definire qualunque stato d’animo, che in italiano dovremmo scrivere due frasi per definire! Mi piace molto Heimweh che significa nostalgia di casa, e anche Fernweh che significa: desiderio di viaggiare, nostalgia di paesi lontani, desiderio di lasciare la vita di tutti i giorni per mettersi in cammino e partire per un lungo viaggio alla scoperta di luoghi mai visti, che ci sono però nel nostro immaginario familiari.

Ecco, appunto! Vi vengono in mente altri falsi stereotipi?

 

 

 

 

Share

6 Comments

  1. Ciao Denise, ti ho scoperta per caso facendo ricerche in rete sulla parola Fernweh, che è anche la mia preferita. Vivo a Berlino da due anni e concordo con te sugli stereotipi di cui parli. Per quanto riguarda l’usanza del calzino bianco, qualcuno, non ricordo chi, mi disse che lo fanno per una questione di igiene (il che mi lascia comunque perplessa). Avevo anche io questo stereotipo da piccola, perché abitavo in una località di mare frequentata prevalentemente da tedeschi e li vedevo andare in giro sempre così. Per quanto riguarda i mezzi di trasporto, anche a me sembrano puntuali; invece riguardo alla burocrazia – forse l’unica cosa che non mi piace di questo Paese -, ho sperimentato sia direttamente sia indirettamente quanto anche l’idea della precisione dei tedeschi sia uno stereotipo. E sulla lingua direi che, nonostante io non abbia che un A1 e stia solo adesso iniziando a studiarla sul serio, è molto interessante e tutto sommato non così complicata; ha un bel suono e mi affascina il fatto che ha una parola per tutto e che a volte queste parole non abbiano l’esatta traduzione in italiano o in altre lingue. Non mi vengono in mente altri stereotipi. Credo tu li abbia trattati tutti. 🙂

    1. Ciao Caterina, Fernweh è una parola stupenda, concordo! Che la lingua non sia troppo complicata invece secondo me dipende da persona a persona, magari tu sei molto portata per le lingue e le impari con facilità! In bocca al lupo per tutto e fammi sapere come procede la tua esperienza in Germania! 🙂

  2. Ciao Denise! Mi piace sempre sfatare gli stereotipi! Una mia amica vive in Germania da anni, quando stava in Baviera si trovava benissimo con le persone, mentre adesso che è nel profondo nord dice che si fa molta più fatica a fare amicizia..è vero? Anche in Germania c’è una grande differenza tra nord e sud?

    1. Ciao Valeria, sì ma al contrario! Al sud sono molto chiusi e molto più conservativi, sopratutto nei paesini, mentre al nord sono più aperti! Ma secondo me dipende molto da paesino a città e sopratutto da quello che fai, ad es se lavori o no, se studi o no etc..

      1. Buongiorno.Ho letto col interesse le sue storie..non tutte ancora.Sono russa,quasi 10 anni ho vissuto a Padova e ora da un paio di anni io,mio marito e nostri figli viviamo in Germania del nord,Hannover.La gente e’ fredda,tutti i iti su tedeschi(quelli posotivi) sono spariti in giro di pochi mesi.Invece una mia amica,che ha studiato qua ad Hannover,si e’ trasferita a Monaco e dice che non c’e’ paragone.Sta molto meglio.
        Mio marito,un veneto al 100%:), fa tanta fatica a capire questo modo loro modo di vivere tipo “alles ist egal”.

  3. Infatti ho vissuto in Germania e anche io vorrei sfatare alcuni luoghi comuni:
    Sono freddi: questo è uno dei luoghi comuni più sentiti dire dagli italiani.. poi scopri che molti italiani in Germania dopo anni che ci vivono
    1)non parlano ancora quasi per niente il tedesco (basta entrare in un ristorante italiano, di quelli con la tipica canzone di Nino d’Angelo.. per trovarne a bizzeffe). Come fa una persona che non spiccica 3 parole a integrarsi in una società? poi si lamentano.. lo vedo fare “solo” agli italiani.
    2)in patria non vedo così spesso italiani parlare con sconosciuti su un treno… anzi.. molti giovani sono attaccati al cellulare e non vedono nemmeno chi passa.
    In Germania come in altri paesi più a nord, sui treni, mi è capitato non solo di conversare ma addirittura di andare alla cabina ristorante con persone conosciute sul momento.
    Mai successo in Italia!
    3)premesso che non mi piace generalizzare, parlando (anche per scherzo) di categorie devo farlo per descrivere alcune categorie di persone. Ovviamente la Germania è un paese enorme… come l’Italia e ci sono persone molto diverse a seconda di chi si incontra. Si incontrano brutte e belle persone come dappertutto.. Questo è ovvio.. ma mi sembrava giusto fare degli esempi che ribaltano i soliti luoghi comuni che si sentono in Italia avendo vissuto diversi anni non solo in Germania ma anche in altri paesi nel Centro-Nord Europa.
    4)quante persone in Italia, per anni escono solo con la loro “comitiva”, per anni..quasi sempre con le stesse persone.. Ne conosco moltissime.
    sono da considerare socievoli? a me non sembra lo siano.. soprattutto con chi è estraneo o magari non è il tipo di persona che interessa a loro. Sinceramente mi annoierei a morte a vivere come loro.. nei paesi nordici la mentalità “da comitiva fissa” mi sembra sia meno diffusa.. e questo favorisce il fatto di poter passare serate in modo diverso, imprevedibile, anche perchè i gruppi troppo chiusi li trovo noiosi in quanto si finisce spesso per parlare delle stesse cose.
    5)quante persone in Italia “sembrano” socievoli, ma poi mirano solo a fregarti? quando pensano di aver ottenuto quello che gli serve non ti calcolano più? ovviamente esistono…. rispondo a stereotipi con stereotipi, quello dell’italiano inaffidabile, voltafaccia è un pregiudizio che purtroppo soprattutto avendo avuto a che fare con molti italiani all’estero, mi sono accorto che hanno contribuito a mantenerlo vivo.. col loro comportamento.
    6) tedeschi freddi? ce ne sono certo.. come ovunque.. ma… io sono nato nel nord italia, in generale trovo molto più freddi i “bolognesi” per esempio.. soprattutto con le persone estranee(questo per dire che è molto soggettivo).
    Se dovessi uscire da solo la sera preferirei mille volte Berlino.. la Bassa Sassonia o altre zone.. rispetto ad alcune città italiane. Per non parlare di città più a Nord in Irlanda.. nelle quali ho conosciuto persone nei pub, negli autobus… in nave.. ovunque.
    7)riguardo ai mezzi di trasporto.. nelle città tedesche in cui ho vissuto(secondo me) funzionavano mediamente meglio che in Italia, erano anche più usati dai giovani. Avevo una carta con la quale potevo salire su bus, treni, ecc.. anche per tragitti medio lunghi. Mi sono trovato bene.
    9)i sandali col calzino.. non mi è capitato di vederli usare nella zona in cui ho abitato.
    Riguardo al modo di vestire è anche vero che (almeno dove vivevo io) gli sbalzi termici non erano indifferenti, durante la stessa giornata.. allora alcune persone usavano vestirsi a strati, questo può sembrare strano ad alcuni italiani che hanno un abbigliamento più “standard”. Per il resto a seconda del locale, del tipo di ambiente trovavi persone vestite diversamente… non saprei dare una opinione generale.
    10)per ultimo alcuni dicono che i tedeschi progettano con l’agenda ogni uscita… Io andavo nei locali e ci incontravamo anche fuori.. senza tanti problemi.. tutta questa rigidità mentale di cui parlano alcuni non mi è capitato di vederla, nei giovani che frequentavo in particolare.
    Conosco bolognesi o italiani in generale invece che per andare al bar devono organizzarsi una settimana prima e scriverlo nell’agenda.. altrimenti rimangono a casa(è un caso molto estremo, ho voluto esagerare per dire che non è difficile trovare persone rigide mentalmente in Italia).
    11)i tedeschi sono affidabili? premesso che ogni persona è diversa li ho trovati mediamente molto più affidabili degli italiani sotto alcuni punti di vista, per esempio:
    Nei rapporti di lavoro, di amicizia e altro.. ho beccato molte più fregature da parte di italiani(o ispanici, sudamericani..) che dicono si… e poi trovano la scusa all’ultimo momento.. ti invitano a una festa.. e se trovano qualcuno che gli interessa di più fanno finta di non vederti(sono solo esempi..). Ovviamente non generalizzo.. sono solo racconti..
    in Germania raramente mi è successo. Nei rari casi in cui non hanno voglia di prendere un appuntamento con te per qualsiasi motivo (impegni o altro), te lo dicono subito senza problemi oppure rimangono sul vago se non sanno cosa fare senza dare appuntamenti a nessuno. In questo modo ti puoi organizzare meglio perchè sai realmente quello che pensano.
    Non ho ancora beccato un “bidone” da qualcuno al di sopra delle alpi(non solo tedeschi) fortunatamente.. se devo essere sincero, quindi forse sono stato fortunato.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *